Gennaro Massa e la Cooperativa Artigianale San Giuseppe

gennaro massa,bottega di mosaicista,cooperativa san giuseppe,ciampino,viale marino,immibiliare,demaniale,artigianale,patria italiana,veri artigiani,maria lanciottiGennaro Massa non ha il pc e sa solo che si è parlato di lui su alcune testate locali e ciò gli ha dato nuova lena e nuova speranza.
Gennaro è un artigiano di quelli col cappello di carta in testa e i polmoni intasati dalla polvere della sua bottega di mosaicista, che è anche la sua casa.
Perché non si arrende mai?
«Vedo la distruzione della Patria Italiana, perché retta da persone che non conoscono la vita. Io nel mio piccolo, nei miei 20 metri quadri di locale, ho svolto un’attività. Queste attrezzature le ho pagate in trent’anni di lavoro. Nessuno mi ha aiutato

Qual è il suo progetto?
«Conosco tanti artigiani veri che mi hanno insegnato tante cose, non soltanto il mestiere. Il lavoro c’è, quel lavoro che serve per la vita pratica, normale.»
Che cosa ha in mente di fare Gennaro
?

«Aspetto che si liberi la mia casa a Roma, occupata da dodici anni da inquilini che non pagano nemmeno il condominio. Ho dovuto restituire la partita IVA per ottenere la pensione. Una volta a settimana mi concedo il lusso di passare una notte all’Ostello per farmi una doccia e dormire fra le lenzuola. Ho bisogno d’aiuto per individuare un sito immobiliare demaniale per la Cooperativa Artigianale Italica San Giuseppe».
Il progetto per la costituzione di un Consorzio di Artigiani è stato redatto da Gennaro Massa nel 1991 e proposto più volte agli uffici competenti. Nessuna risposta finora. Ma Gennaro non molla. Oltre a metterci tutto quello che è, nel progetto Gennaro ci mette pure tutto quello che ha. Per questo progetto gli occorre un grande spazio oppure diversi capannoni. Lo scopo del progetto è creare un polo per valorizzare e consolidare l’attività artigianale italiana in tutti i suoi aspetti e per la continuità di una scuola di Mastri che si va perdendo.
Gennaro vive a Ciampino
, in Viale di Marino 66. Chi volesse contattarlo adesso sa dove trovarlo per farsi illustrare in dettaglio il progetto. Un progetto meticolosamente stilato che non andrebbe scartato a priori, ma valutato come possibile rinascita di un artigianato di qualità. Una risposta forte al brutto ed effimero che avanza, spazzando via creatività, ingegno e passione.

Liberamente riadattato dall’articolo di Maria Lanciotti pubblicato su:
http://www.tellusfolio.it/index.php?lev=44&cmd=v&id=14660

Gennaro Massa e la Cooperativa Artigianale San Giuseppeultima modifica: 2012-07-06T10:36:00+02:00da duezii
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento